Katmer, pane turco

Ingredienti

  • 400 gr di farina bianca
  • 300 gr di semola rimacinata fine
  • 150 gr di acqua tiepida
  • 150 di latte
  • 3 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiani di lievito di birra
  • 1 uovo

Questa vecchia preparazione era lì ad aspettare in archivio, ricordo che era buonissima e facile da preparare; io l’ho farcito con prosciutto cotto e provola secca, ma si presta a tutti i tipi di salumi o verdure.

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida con un cucchiaino
di zucchero. Mettere nell’impastatrice le farine, aggiungere il lievito,
il latte, il sale e per ultimo l’olio e impastare almeno 15 minuti.

Se non si possiede l’impastatrice tutte le operazioni descritte si
possono eseguire a mano con ottimi risultati.

Dividere l’impasto in più pezzi e lasciare lievitare per un’ora.

Spalmare d’olio un piano e stendere l’impasto come una pizza molto
sottile; durante l’operazione spennellare di olio anche il mattarello
e la faccia superiore dell’impasto.
Quando è steso poggiarci sopra quello che piace di più
(nel nostro esperimento abbiamo aggiunto sottilissime fette di pancetta arrotolata che i turchi non userebbero mai dato che non amano il maiale).

Arrotolarlo girandolo su se stesso e formando poi una chiocciola da appiattire un po’ usando il mattarello.

Cuocere in padella, dapprima a fuoco alto poi abbassare il fuoco e finire di cuocere badando che non bruci troppo in superficie.
E’ pronto quando sarà dorato e croccante.

Provatelo, è davvero buono e poi la cottura in padella lo rende di breve preparazione.