Filetti di trota salmonata in carpione

Ingredienti

  • Una trota salmonata pulita e sfilettata, ogni filetto tagliato in tre pezzi
  • una cipolla
  • due spicchi di aglio
  • una manciata di foglie di salvia
  • un bicchiere di vino bianco, uno di aceto bianco, uno di acqua
  • olio
  • farina bianca
  • Sale grosso, 3-4 grani di pepe

Arriva l’estate e nella nostra tradizione piemontese delle vallate alpine, arriva il tempo dei “carpioni” zucchine, cotolette, uova, trote, tinche.

Sarebbero indicate le trote pescate nei torrenti, ma é difficile trovarle e allora mi accontento della bancarella del mercato.

Preparo il carpione, rosolo  la cipolla tagliata a rondelle, l’aglio a fettine e la salvia in mezzo bicchiere di olio,  quando la cipolla è appassita aggiungo il bicchiere di vino, l’acqua e l’aceto, i grani di pepe e due/tre pizzichi di sale grosso.

Quando raggiunge il bollore continuo la cottura abbassando un po’ la fiamma.

Infarino i filetti di trota dopo averli asciugati, e li friggo nell’olio bollente.

Li scolo dall’olio quando hanno fatto una bella crosticina dorata, non ha importanza se all’interno sono ancora crudi perché il liquido bollente finirà di cuocerli.

Quando tutti i filetti sono fritti li adagio in un contenitore a chiusura ermetica, rovescio sopra la marinata bollente, chiudo subito e quando è freddo metto in frigo. Lascio riposare minimo tre giorni prima di gustarli, sono migliori dopo una settimana.